Seguici su

Giunti Psychometrics International

I Partner

  • TP
  • Busajo
  • Cretificato qualit�
  • Verisign
  • Banca sella
  • International Test Commission
  • ETPG

ESAME DEL LINGUAGGIO - II

Autore: Paola Ciurli, Paola Marangolo e Anna Basso
B
Qualifica richiesta
B
Data di pubblicazione

1996

Somministrazione

Tempo libero
Individuale

Campione

22 soggetti normali tra 45 e 80 anni (1995)

Destinatari

Pazienti afasici gravi

Composizione

8 prove linguistiche

93701Q - Kit Esame del Linguaggio - II
materiale test + 20 protocolli + manuale
• Prodotto disponibile
€ 580,00
91767Q - 20 Protocolli
• Prodotto disponibile
€ 200,00 + IVA
93713C - Manuale di istruzioni
• Prodotto disponibile
€ 80,00

* IVA assolta dall'Editore solo per i prodotti contrassegnati con asterisco

La prova, revisione del test elaborato dal Centro di Neuropsicologia dell'Università di Milano negli anni '60, permette di diagnosticare con precisione le capacità residue del linguaggio in pazienti afasici, affetti da disturbi conseguenti a lesioni del sistema nervoso centrale. Nella revisione è stata mantenuta la struttura originaria allo scopo di avere uno strumento diagnostico di facile applicabilità che permetta una descrizione sufficientemente dettagliata del comportamento del paziente nelle principali modalità linguistiche. Oltre ad essere utile per una diagnosi oggettiva di soggetti carenti nel linguaggio a seguito di lesioni cerebrali, questo strumento può essere utilizzato anche come programma di riabilitazione. Data la struttura, il test è poco adatto per pazienti con afasia lieve o di media gravità e/o con alta scolarità. È utile in una struttura clinica o riabilitativa per pazienti con disturbi del linguaggio relativamente gravi perché permette di fare una diagnosi clinica ed è, inoltre, di facile interpretazione e rapida somministrazione.


STRUTTURA

Come nella versione originale, l'esame comprende prove che valutano, nella modalità orale e scritta, la produzione spontanea (a sua volta costituita di due parti: la descrizione di un evento e la descrizione di una figura complessa), la denominazione e la comprensione, e prove di transcodifica come la ripetizione, la lettura ad alta voce e la scrittura sotto dettato.
Gli stimoli sono stati selezionati in base alle attuali conoscenze sull'organizzazione funzionale del sistema lessicale e, nella loro scelta, si è tenuto conto dei seguenti parametri: classe grammaticale (sostantivi, verbi), frequenza d'uso (sostantivi: alta: > 30/milione, media: < 20/milione; verbi: alta: > 20/milione, media: < 10/milione) e lunghezza (corti: 4/6 fonemi, lunghi: > 6 fonemi). A differenza della prima versione del test, gli stimoli sono in bianco e nero, quindi più facilmente riconoscibili e non ambigui (come risulta dai dati ottenuti con soggetti normali). Per le prove di comprensione di categorie semantiche sono state selezionate le seguenti categorie: animali, frutta, indumenti e mezzi di trasporto.

Interpretazione
La batteria è stata somministrata ad un gruppo di 22 soggetti normali con un'età compresa tra 45 e 80 anni ed una scolarità tra i 3 e gli 8 anni. Data la relativa facilità delle prove, i soggetti di controllo hanno eseguito correttamente tutte le prove, tranne quelli con 5 anni o meno di scolarità che commettevano alcuni errori ortografici nelle prove di scrittura. Per la prova di descrizione dell'evento, data l'eterogeneità dei campioni di linguaggio spontaneo riscontrata nei soggetti di controllo nella descrizione dell'evento "Una giornata trascorsa al mare o in montagna", e la scarsità di elementi emersi nella descrizione dell'altro evento scelto ("Come fa a farsi il bagno o la doccia"), la valutazione prevede soltanto un'interpretazione qualitativa e non quantitativa.


È UTILE PER

Il test è efficace in strutture cliniche o riabilitative per pazienti con disturbi del linguaggio relativamente gravi, perché permette di effettuare una diagnosi clinica in modo rapido.